Video guida

A – Download e installazione di MNP

Dalla pagina del background material sulle nanoparticelle è possibile scaricare il pacchetto completo del software di simulazione Metal NanoParticle MNP, scegliendo una fra le due opzioni a seconda che si abbia già installato MatLab Compile sul proprio computer.
Si potrà così studiare assorbimento, trasmissione, estinzione e colore percepito.
 
 

B – Le condizioni di osservazione: spessore del campione e sorgente luminosa

Le nanoparticelle metalliche vengono spesso usate come sensori colorimetrici. E’ perciò importante capire quali condizioni possono influenzare la percezione del colore.
Provate a variare lo spessore del campione: vi è qualche variazione nell’assorbimento? Nella trasmissione? Nel colore percepito?
E’ diverso osservare con luce naturale o artificiale? Provate a cambiare la sorgente luminosa.

C – Dimensione delle nanoparticelle

Le nanoparticelle metalliche sono in grado di segnalare tramite un viraggio di colore la variazione nello stato di aggregazione che si verifica in caso di test positivo.
Provate perciò a variare la dimensione delle particelle scegliendo l’oro come materiale.
Premendo ripetutamente “Run” senza ripulire ogni volta l’area dei grafici vi sarà possibile comparare direttamente i risultati di test diversi (fino a cinque).
Se avete precedente svolto l’esperimento “Nanoparticelle d’oro come sensore colorimetrico” (dimensioni nanoparticelle circa 12 nm), trovate una conferma dei vostri risultati sperimentali nel colore che appare nel riquadro in basso a destra? Eventualmente cambiate lo spessore e la sorgente luminosa.

D – Variare l’indice di rifrazione del mezzo

Le nanoparticelle metalliche sono in grado di “sentire” e segnalare anche variazioni dell’ambiente circostante, ovvero dell’indice di rifrazione della soluzione in cui sono immerse. Provate a studiare ciò che accade variando sistematicamente tale indice .
 
 
 

E – Metalli diversi

Un altro metallo largamente utilizzato è l’argento. Svolgete uno studio del comportamento dei colloidi d’argento al variare dei parametri. Confrontate i risultati con quelli ottenuti per l’oro con set di parametri equivalenti.

NANOLAB è …

laboratori didattici divisi in quattro aree, corredati da videoguide, schede e approfondimenti, per introdurre le nanoscienze nel laboratorio scolastico.
corsi di formazione e kit formativo per permettere agli insegnanti di riprodurre gli esperimenti in aula.
seminari divulgativi tenuti da ricercatori per esporre le attuali prospettive nel campo delle nanoscienze e contestualizzare i laboratori didattici.

Dalla pagina Facebook

Le nanotecnologie, cioè la possibilità di controllare la materia sulla scala del miliardesimo di metro, sono presenti nella nostra vita quotidiana. Cosa potrebbe attenderci per il futuro? Scopriamo quali sono i principi fisici che permettono questi sviluppi e che ci guidano alla scoperta di materiali con nuove proprietà. Con Guido Goldoni

Guido Goldoni insegna Fisica della Materia all’Università di Modena e Reggio Emilia.

In lingua italiana. Ingresso libero
... Leggi tuttoLeggi meno

3 anni fa  ·  

Questo sito utilizza i cookie. Se continui la navigazione sul sito accetti il loro utilizzo