Video guida

A – Incapsulamento della goccia

Una goccia d’acqua su laminato lo “bagna” e muovendosi su di esso perde parte del suo liquido. Ma è possibile incapsulare la goccia lasciandola cadere su un mucchietto di finissima polvere superidrofobica (polvere di grafite da una mina di matita, fuliggine, polvere di lycopodium). Si otterranno così delle biglie liquide, le “liquid marbles”.
 

B – Preparazione delle riprese

Posizionate la videocamera perpendicolarmente al piano inclinato e ad una distanza tale che risulti inquadrato tutto il percorso delle gocce. E’fondamentale che la goccia risalti sulla superficie di rotolamento. Con nastro adesivo colorato segnate un riferimento di circa 10 cm sul piano inclinato: vi sarà utile in fase di calibrazione. Si consiglia un cavalletto o supporto per la videocamera.
 

C – Raccolta dati

Fate partire la ripresa. Lasciate cadere sul mucchietto di polvere una dopo l’altra, ad intervalli di circa 2-3 secondi, gocce d’acqua di dimensioni diverse che poi scenderanno lungo il piano inclinato. Ripetete l’esperimento con polveri e superfici diverse. Le gocce più piccole risulteranno mediamente più veloci.
 

D – Analisi dati

Con il software libero Tracker analizzate i video ricavando il moto delle varie gocce e confrontate i risultati.
Per un tutorial mirato sull’uso del software Tracker cliccate qui
 

NANOLAB è …

laboratori didattici divisi in quattro aree, corredati da videoguide, schede e approfondimenti, per introdurre le nanoscienze nel laboratorio scolastico.
corsi di formazione e kit formativo per permettere agli insegnanti di riprodurre gli esperimenti in aula.
seminari divulgativi tenuti da ricercatori per esporre le attuali prospettive nel campo delle nanoscienze e contestualizzare i laboratori didattici.

Dalla pagina Facebook

Le nanotecnologie, cioè la possibilità di controllare la materia sulla scala del miliardesimo di metro, sono presenti nella nostra vita quotidiana. Cosa potrebbe attenderci per il futuro? Scopriamo quali sono i principi fisici che permettono questi sviluppi e che ci guidano alla scoperta di materiali con nuove proprietà. Con Guido Goldoni

Guido Goldoni insegna Fisica della Materia all’Università di Modena e Reggio Emilia.

In lingua italiana. Ingresso libero
... Leggi tuttoLeggi meno

3 anni fa  ·  

Questo sito utilizza i cookie. Se continui la navigazione sul sito accetti il loro utilizzo